Massimo, pigghia o’Zucca.

Io ho degli amici maschi che mi danno degli spunti di robe da scrivere. Se spesso non lo faccio qui è perché mi leggono tutti e se ne avrebbero a male del parlare delle loro sfighe. E insomma, io per le loro Sfighe ci ho anche un senso della vergogna.

C’è questo mio amico Massimo, che prima scriveva moltissimo racconti, e ci spalleggiavamo leggendoceli a vicenda. Purtroppo eh. Tipo vah cosa ho trovato ancora sulla internet di quelle cose: uno stralcio.

Natale era sempre più vicino (era a soli due isolati da casa Fraser) e l’allegra combriccola si era riunita questa volta per un nazi party, sempre in onore di Stanley visto che aveva cambiato religione. Infatti, quando si recò nei pressi del muro del pianto, avevano provato a circonciderlo per la seconda volta. Ancora una volta si misero a vedere la tv da perfetti…mmm, chimiamoli comodamente rimbambiti. Forum purtroppo era quasi finito e Frannie potè solo scrivere pochi spunti quella sera…
D: Ma lei aveva suonato o qualcosa di simile?
R: Dopo l’incidente?
D: Prima dell’incidente?
R: Certo, per 10 anni. Andavo al conservatorio

[ora fortunatamente fa interviste per Radionation. E anche belle.]

Premio Zucca Spirito Noir: ecco ‘naltra cosa che potresti fare, se non lavorassi come se fossi sottopagato nei campi di cotone, dacché in caso il tuo racconto andrebbe in appendice a un libro noir inedito di un famoso scrittore che farà parte della Spirito Noir Collection.

C’è una giuria competente che annovera Giorgio Gosetti condirettore del Festival Noir di Courmayeur (che poi ricordo che forse era lui che intervistai al Festival of Festivals a Bologna, boh), lo scrittore Andrea G. Pinketts, i registi Manetti Bros e il critico cinematografico Gianni Canova e sin dal 2011 l’attore Michele Riondino, che nel 2012  è diventato il padrino d’eccezione dell’iniziativa Premio Zucca Spirito Noir e ha guidato gli utenti alla scelta del tema del racconto che la community stessa ha decretato essere “La notte”.

Ora, se Massimo, già autore di racconti come ”Il gatto Miao Miao alla sogliola” o “Via col brodo” (madò: te lo ridico… ERA OSCENO) ma anche altri dove traspariva talento noir, vuol partecipare sappia che c’è tempo fino al 15 maggio per partecipare.

La pagina Rabarbaro Zucca di Facebook.
Il Bando di concorso.

Categoria(e): intervistozze e giornalaismi

I commenti sono chiusi